venerdì 31 ottobre 2014

RICERCA È CRESCITA: FINANZIAMENTO E IMPATTO SOCIOECONOMICO DELLA RICERCA SCIENTIFICA

Elsevier presenta il terzo Forum Nazionale sulle Politiche di Ricerca “Ricerca è crescita – finanziamento e impatto socioeconomico della ricerca scientifica”

elsevierIllustri esperti del mondo accademico e della ricerca si confronteranno su strumenti e soluzioni innovative per colmare il gap tra le aspettative dei ricercatori e le strategie degli organismi finanziatori per una ricerca più produttiva e incisiva.

Elsevier, leader mondiale nella fornitura di prodotti e servizi di informazione scientifica, tecnica e medica, in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano, presenta il III National Research Policy Forum, un evento di alto profilo che si svolge annualmente in diversi paesi europei. Nella sua terza edizione italiana, il NRPF sarà dedicato al tema del reperimento dei fondi e all’impatto socio-economico della ricerca scientifica. L’evento si svolgerà il 5 novembre a Milano, presso la l’Aula Magna dell’Università degli Studi, in via Festa del Perdono, n. 7.

I crescenti vincoli di budget europei gravano sulla disponibilità di fondi per la ricerca. Secondo recenti stime, un taglio del 10% ai fondi destinati ala ricerca per l’anno 2015, attualmente in esame presso la Commissione Europea, potrebbe danneggiare circa 600 progetti collaborativi nell’ambito di Horizon 2020. Allo stesso tempo, meccanismi innovativi di finanziamento vengono ideati e sperimentati nel quadro della cosiddetta Scienza 2.0, con possibili conseguenze sulla distribuzione futura dei fondi. In questo clima di incertezze e novità, il National Research Policy Forum pone gli istituti di ricerca al centro del dialogo tra attori politici e organismi finanziatori da un lato, e rappresentanti della società e del mondo economico dall’altro, perché collaborino nel tentativo di riconciliare obiettivi strategici e benefici di breve termine attraverso nuovi ed efficaci approcci.

I relatori affronteranno poi il tema delle collaborazioni internazionali tra gli scienziati presentando soluzioni innovative per l’aggregazione internazionale dei ricercatori, che consentano di elaborare progetti di ricerca sempre più efficaci e di maggior respiro, partendo dalla premessa fondamentale di una ricerca catalizzatrice di sviluppo e benessere.

EUGENIO NAPPI ELETTO VICEPRESIDENTE DELL’ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE

Eugenio Nappi, già membro della giunta esecutiva dal 2012, è stato eletto vicepresidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) dal Consiglio Direttivo dell’Istituto. A partire dal 1° novembre Nappi prenderà il posto di Antonio Zoccoli, per scadenza del suo mandato, e affiancherà l’altro vicepresidente dell’INFN, Antonio Masiero. Eugenio Nappi, 57 anni, è dirigente di ricerca e ha diretto la Sezione INFN di Bari dal 2006 al 2012. 

L’attività di ricerca scientifica, documentata da oltre 200 lavori pubblicati su riviste internazionali e da innumerevoli relazioni su invito a congressi, si è dapprima svolta nel campo della fisica sperimentale delle alte energie (esperimenti NA24 e NA35 al CERN di Ginevra) e in seguito in quello della fisica nucleare, contribuendo in modo significativo alla realizzazione di rivelatori di seconda generazione degli esperimenti HERMES a DESY, in Germania, e STAR a Brookhaven National Laboratory (BNL), negli Stati Uniti. Nell’esperimento ALICE a LHC, dedicato allo studio della fisica della transizione di fase verso il plasma di quark e gluoni, indotta dalle reazioni tra nuclei pesanti ultrarelativistici, ha ricoperto tra il 1998 e il 2000 il ruolo di vice-coordinatore internazionale e in seguito, dal 2004 al 2010, di responsabile nazionale. 

Membro del panel internazionale di esperti di strumentazione dell’ICFA (International Committee for Future Accelerator) dal 2011, Nappi ha sviluppato innovative tecniche di fotorivelazione di grande rilevanza ai fini del miglioramento delle prestazioni dei contatori di radiazione Cherenkov a immagini anulari.

martedì 28 ottobre 2014

PREMIO ITWIIN 2014 A DONNE IMPEGNATE NELLA RICERCA E NELL'INNOVAZIONE



Venerdì 24 ottobre sono stati conferiti ad Ancona, presso la Loggia dei Mercanti, sede della CCIAA, i Premi ITWIIN 2014, istituiti dalla Associazione che promuove le eccellenze delle donne innovative italiane supportando l'introduzione di nuovi prodotti, servizi e processi. ITWIIN è inserita nella rete europea delle donne inventrici e innovatrici, EUWIIN.


ITWIIN (www.itwiin.it) è un'associazione che opera nel campo dell'invenzione e dell'innovazione sia autonomamente che in collaborazione con altri enti e soggetti e si propone come finalità principali e lavora per creare opportunità per donne italiane creative e innovative promuovendo l'invenzione e l'innovazione nel contesto lavorativo e in quello educativo e supportando l'introduzione di nuovi prodotti, servizi e processi.

Scarica anche la guida alle ITWINNER (PDF) 

martedì 14 ottobre 2014

SCIENZARTAMBIENTE 2014: A PORDENONE LE LOGICHE DEL DESIDERIO

Cinque giorni di full immersion tra incontri, dialoghi, show, laboratori pratici, seminari: con oltre 40 appuntamenti torna a Pordenone tra il 15 e il 19 ottobre Scienzartambiente: un progetto del Comune di Pordenone-Assessorato alla Cultura con Immaginario Scientifico, curato da Chiara Sartori, Fabio Carniello, Stefano Moriggi e Donato Ramani.

Scienzartambiente diventa maggiorenne e per i suoi 18 anni si presenta ricco di appuntamenti con un nutrito programma che esplora un tema dalle molte sfumature, attraverso la filosofia, la biologia, le arti e l’antropologia, con l’ausilio di scienziati, ricercatori, scrittori, giornalisti e artisti: “Le Logiche del Desiderio”. 



Il festival, come di consueto, indaga gli intrecci tra scienza e cultura umanistica, per confermare quanto esse possano e debbano essere complementari, utili a orientare anche le scelte di ciascuno di noi nella vita quotidiana. Scienza, e le sue “buone maniere”, come istituto di democrazia, come pratica di libertà sociale e civile, per citare Richard Feynmann, Premio Nobel per la fisica del 1965.

Desiderio declinato in molti modi e molti campi della cultura, dalla sete per la conoscenza che anima lo scienziato e muove la ricerca scientifica, tra nuove energie e neurogenesi sensoriale, alla spinta verso l’ignoto che fa compiere imprese straordinarie in ogni campo dell’ideazione umana.

FESTIVAL DELLA SCIENZA 2014 - GENOVA

Genova, 24 ottobre – 2 novembre IL TEMPO

Festival della Scienza Genova 2014
Genova riparte dalla scienza. In un momento di grandi cambiamenti a livello nazionale e internazionale, il Festival della Scienza torna a far brillare la città di Genova per il dodicesimo anno consecutivo, con un programma che si distingue per la varietà e la qualità degli ospiti italiani e stranieri, per l'adesione di tutti i principali istituti di ricerca nazionali e per uno sguardo che sempre più si orienta verso due orizzonti strategici decisivi per il futuro: la valorizzazione dei giovani e la collaborazione internazionale, nell'ottica di sviluppo di un ponte tra le eccellenze italiane e le più vivaci realtà del mondo.

Qui la cartella stampa 

In programma nel capoluogo ligure dal 24 ottobre al 2 novembre, l'edizione del 2014 ha come filo conduttore il tempo. Elemento al centro dei nostri pensieri e della nostra vita, il tempo detta l'agenda delle giornate, sfuggendo tra i mille impegni del quotidiano (Tempus fugit, dicevano i latini). Noi cerchiamo di misurarlo e padroneggiarlo con strumenti precisi e sofisticati, ma altrettanto non riusciamo a coglierne i confini e la natura. Se da un lato, è l'unità di misura che permette di comprendere meglio la realtà che ci circonda, nei suoi fenomeni e nei suoi eventi e che detta il ritmo della nostra agenda quotidiana, dall'altro, è il segno della ‘rottura’ della società contemporanea in possesso di tecnologie che sempre più avvicinano le distanze e che annullano lo spazio/tempo. Molti scienziati, ma anche filosofi, sostengono – tra l’altro - che il tempo non esiste, che è una proiezione dei nostri desideri di classificazione e regolamentazione.



TUTTO LO SPAZIO CHE C'È: FESTIVAL DELL'INNOVAZIONE E DELLA SCIENZA

È iniziato il 13 ottobre e proseguirà fino al 19 ottobre nella biblioteca multimediale ARCHIMEDE di Settimo Torinese (Torino) la seconda edizione del Festival dell'Innovazione e della Scienza, quest'anno dedicato allo SPAZIO: TUTTO LO SPAZIO CHE C'È ... 

In programma ci sono laboratori, esposizioni, conferenze, esperimenti, invenzioni, spettacoli, giochi, cibo e musica.

Più di 50 eventi a tema spaziale. 20 scuole dell’area metropolitana di Torino coinvolte con progetti e invenzioni, 200 associazioni del territorio, oltre 30.000 visitatori previsti. 

Maggiori info su Gravità Zero, testata di divulgazione tecnico-scientifica. 

Anche l’ENEA nella collaborazione internazionale per la prevenzione e il trattamento del cancro al collo dell’utero

Avviare un dialogo tecnico-scientifico con la rete di Istituti Nazionali del Cancro (RINC) dell’America Latina per stabilire future collaborazioni è l’obiettivo dell’incontro tra Centri di Ricerca italiani e istituti latino-americani impegnati nel trattamento e nella prevenzione del cancro al collo dell’utero.

Un convegno sul tema, al quale hanno preso parte i rappresentanti dei RINC provenienti dai Paesi dell’area Latino-Americana (Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Cuba, Ecuador, Paraguay, Perù, Uruguay e Venezuela), organizzato dall’Istituto italo-latino americano (IILA) e dall’ENEA si è tenuto oggi a Roma, presso la Sede dell’ENEA. L’evento è parte integrante del progetto IILA “Promozione di programmi di prevenzione e cura del cancro del collo dell’utero”, finanziato dalla Cooperazione del Ministero degli Affari Esteri.

Il supporto tecnico-scientifico che i Centri di Ricerca italiani sono in grado di offrire costituisce un elemento chiave per la progettazione di strategie efficaci per la riduzione dell’incidenza e della mortalità causate dal cancro cervico-uterino nell’area Latino-Americana, anche attraverso lo sviluppo di farmaci biotecnologici di nuova generazione a basso costo, da associare a metodi di prevenzione innovativi. L’ENEA intende mettere a disposizione dei clinici della rete RINC i risultati delle attività che hanno condotto allo sviluppo di vaccini sperimentali già brevettati.

ENEA e IILA, organismo internazionale al quale aderiscono l’Italia e le venti Repubbliche latino-americane e caraibiche, recentemente hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per avviare una collaborazione nei settori della sicurezza e della salute, dell’efficienza energetica e delle energie rinnovabili, della modellistica e delle tecnologie ambientali, delle tecnologie abilitanti per l’innovazione e della tutela del patrimonio culturale.


ENEA - Ufficio Stampa e Rapporti con i Media
Resp. Elisabetta Pasta
Facebook: EneaUfficioStampa
Twitter: @ENEAuffStampa