venerdì 25 febbraio 2011

La V edizione del Festival Internazionale del Giornalismo 2011 si svolgerà a Perugia dal 13 al 17 Aprile

Il Festival Internazionale del Giornalismo è un evento unico dove i protagonisti dell’informazione provenienti da tutto il mondo si incontrano con i cittadini, i lettori, gli studenti, i professionisti, in un flusso continuo di idee, scambi, confronti. Chi ha idee, proposte, contenuti da proporre può farlo, il festival nasce anche dall’incontro di queste idee.

E' stato fondato nel 2006 da Arianna Ciccone e Christopher Potter con l’obiettivo di parlare di giornalismo, informazione, libertà di stampa e democrazia secondo il modello 2.0.

La V edizione del 2011 sarà ricca di appuntamenti con oltre 100 eventi e più di 300 giornalisti ed esperti che arriveranno per discutere di giornalismo, di attualità e di problemi dell’informazione.

Cinque giorni tra keynote speech, incontri-dibattito, tavole rotonde, interviste, presentazioni di libri, workshop, proiezioni di documentari, concorsi, premiazioni e mostre, e come sempre la manifestazione, ad ingresso libero e aperto a tutti, ospiterà giornalisti da tutto il mondo.

Il tutto raccontato nella splendida città di Perugia nei suoi teatri e nelle antiche sale dei palazzi storici del centro medievale.

Quattro i Keynote speech affidati a:

  • Giulio Anselmi presidente ANSA
  • Carlo De Benedetti presidente Gruppo Editoriale L’Espresso
  • Peter Horrocks direttore BBC World Service
  • Alberto Ibarguen presidente e CEO Knight Foundation

La lista degli ospiti conta oltre 70 nomi illustri fra giornalisti, comunicatori, editori che animeranno il dibattito.

Si parlerà di giornalismo d’inchiesta, economico, di informazione e diritti umani, di libertà di espressione in rete, new media, giornalismo partecipativo, gastronomico, della relazione media-potere, del ruolo delle donne nella società e del loro rapporto con il potere.

Ed ancora si discuterà dell’Italia, dello stato di salute dell’informazione e del conflitto di interessi, di web e social network, di cultura televisiva, cronaca nera, fotogiornalismo, di giovani e di “fughe di cervelli”, del rapporto tra Stato e mafia.

E naturalmente ci sarà spazio anche per il Giornalismo Scientifico: il programma, domenica 17 Aprile ore 16.00, prevede gli interventi di Alison Abbot (Nature), Guido Romeo (Wired) e Silvia Rosa Brusin (Leonardo Tg3).

Novità del 2011 sarà la collaborazione con Agoravox, il primo sito europeo di giornalismo partecipativo realizzato da redattori volontari e non professionisti. Creato in Francia nel marzo 2005 da Carlo Revelli e Joel de Rosnay ottiene un enorme successo contando un milione di utenti e 38.000 reporter e diventando il secondo medium più citato su Internet dopo Le Figaro. Le tematiche affrontate nei panel spazieranno dai New/Old Media fino ad arrivare all’analisi delle nuove tendenze del giornalismo.

Ci sarà modo anche di festeggiare i 150 anni dell’ Unità d’Italia con una serata teatrale dove Aldo Cazzullo leggerà brani tratti dal suo saggio “Viva l’Italia. Risorgimento e Resistenza: perché dobbiamo essere orgogliosi della nostra nazione” accompagnato al pianoforte da Sabrina Reale. La scenografia sarà costruita con proiezioni di immagini e video a cura di Roberto Guglielmi.

Infine non poteva mancare l’appuntamento con Wikileaks. Un symposium dedicato all’evento che ha cambiato il mondo dell’informazione per sempre. Organizzato in collaborazione con Personal Democracy Forum e curato da Micah Sifry fondatore e direttore del Personal Democracy Forum.

Per saperne di più e scoprire il programma completo il link è: www.festivaldelgiornalismo.com


Nessun commento:

Posta un commento