domenica 6 gennaio 2013

SCIENZA: GLI EVENTI DA RICORDARE NELLA PRIMA SETTIMANA DEL 2013


Rita Levi-Montalcini [Credit: Claudio Pasqua]
La perdita del Premio Nobel  più amato dagli italiani è sicuramente l'evento  vissuto con più commozione, soprattutto dalla gente comune.

I funerali della grande scienziata si sono svolti a Torino in forma privata (ma aperta al pubblico) e alla presenza di 5000 persone, che spontaneamente le hanno voluto tributare l'ultimo saluto.

A noi piace ricordarla in questo video: quando a 100 anni incontrò in Israele otto ricercatrici dialogando con loro sul mondo della ricerca e sul ruolo delle donne.

La famiglia ha aperto il canale web www.ritalevimontalcini.it per permettere a tutti di esprimere un pensiero o un ricordo.
MEDICINA E SALUTE 

Con Influweb (a cui potete iscrivervi per partecipare al progetto del monitoraggio influenzale) Grvità Zero e l'Associazione Levi-Montalcini hanno lanciato un gioco settimanale: per partecipare abbonatevi al suo canale twitter @influweb e seguite le informazioni su come vincere il libro "Alla scoperta dei Premi Nobel Rita Levi-Montalcini

Il Fatto Alimentare pubblica un pezzo molto interessante per comprendere come i pubblicitari ci ingannano. Pubblicità ingannevole: meno censure ma più bugie nel 2013. Impressionante constatare che in Inghilterra l'Asa (Advertising Standards Authority) pubblica ogni settimana 30-40 sentenze e pareri su messaggi pubblicitari ritenuti ingannevoli o scorretti. In Italia ci vogliono sei mesi per raggiungere un numero equivalente di sentenze e di pareri. Conclusione: lo spettatore è lasciato in balia di messaggi pubblicitari fuorvianti e scorretti in tema di salute, e non solo. Morale: se volete rimanere in salute, guardate meno TV.
Sempre Il Fatto Alimentare pubblica un gustoso articolo "Un anno di bufale e di notizie inventate pubblicate da quotidiani autorevoli e siti spregiudicati". Questa volta sotto scacco sono i quotidiani nazionali e il marasma di scemenze presente sulla rete.

LOGICA E FILOSOFIA  

Piergiorgio Odifreddi ci riprova in "Ecco perché Dio esiste". Il suo pezzo su Repubblica ripercorre le tappe ontologiche fino a un manoscritto di settanta pagine firmato da Harvey Friedman pubblicato (guarda caso) il 25 dicembre 2012 che perfeziona l'opera di Gödel ed entra in lizza per i grandi premi in questo campo. Lo studioso ha proseguito un percorso iniziato mille anni fa da Anselmo d'Aosta. 
un bel pezzo da leggere per un breve ripasso di filosofia e logica.

DIRITTI UMANI

"Comincia male il 2013 in Pakistan, con un altro attacco sferrato contro il personale umanitario. Sei donne e un uomo, tutti cittadini pakistani, di professione maestri e operatori sanitari, sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco da uomini in motocicletta, vicino al centro metà scuola e metà clinica in cui lavoravano. La regione è sempre il nord-ovest del Paese, quella a controllo tribale dove è cresciuta Malala, la giovane che lo scorso ottobre è stata colpita dai talebani perché rivendicava il diritto delle ragazze a studiare. Cambia, all’apparenza, la motivazione: stavolta il nemico non sarebbero i libri, ma i vaccini. Con le lenti deformanti del fanatismo anche una campagna sanitaria può assumere i contorni di un complotto occidentale [...]" ne parla Anna Meldolesi su Corriere 

PSEUDOSCIENZA

Anno nuovo, oroscopo vecchio. Come ogni anno, è in arrivo su tutti i media una vera invasione di previsioni astrologiche. Secondo le ricerche sociali, gli italiani sono tra i popoli più "creduloni", e la fiducia nell'oroscopo dipende fortemente dal grado di istruzione. Un motivo in più per sperare che si torni a investire in ricerca e cultura. Lo afferma l'INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica) che di osservazioni astronomiche se ne intende. 

ECONOMIA 
 
JWTIntelligence la contempla tra i 10 trend, le 10 tendenze previste per il 2013. JWT lo aveva fatto anche a inizio dell'anno scorso con le 100 cose da tenere sott'occhio nel 2012.

GIORNALISMO  

La cultura? E' diventata un lusso. Con la crisi i quotidiani tagliano le pagine letterarie per dare più spazio a costume e società. Ma per raggiungere un pubblico più ampio rischiano di perdere i loro lettori più affezionati. 
 
Mentre festeggiavamo hanno chiuso bottega alcune importanti testate: Newsweek, lo storico settimanale statunitense abbandona l’edizione in edicola, d’ora in poi sarà solo online. Per l’addio ha scelto un hashtag: #LastPrintIssue


In Italia invece si annuncia la chiusura di 8 riviste a tema scientifico: la  GRUNER+JAHR/MONDADORI (joint venture al 50% tra Mondadori e i tedeschi di Gruner+Jahr – Gruppo Bertelsmann) ha presentato un piano di ristrutturazione che prevede la chiusura di 8 riviste: Focus Extra, Focus Domande e Risposte, Focus Brain Trainer, Wars, Biografie, Jack, Geo e Focus Wild. I motivi sono le perdite economiche lamentate dalla casa editrice, come spiegato da Italia Oggi.
Chiude anche Pubblico, dopo soli 103 giorni dalle pubblicazioni.

Pier Luca Santoro
ci informa che:  "Ci sono temi che a cadenza periodica ritornano. Minestra riscaldata che perde sempre più corpo e sapore ogni volta che se ne torna a parlare. Uno di questi è la cosiddetta morte dei blog, teoria, per così dire, che vedrebbe nell’affermazione dei social network la fine dei blog come media."
A cadenza regolare ci sono state in passato che hanno decretato la fine (in ordine) della radio, del libro e ora dei blog come strumento di comunicazione. A noi sembra che siano tutti e tre strumenti vivi e vegeti. Basarsi sulla propria esperienza personale anche per noi è per definizione limitante e limitato.  
Senza alcuna pretesa statistica,  Gravità Zero, che è un blog, a dicembre ha ottenuto il 30% di visite in più rispetto all'anno scorso. Proprio come insegna l'esperienza di Santoro.

MATEMATICA 

Annarita Ruberto, docente di matematica e fisica, ci informa che è ancora possibile partcipare all'edizione di gennaio 2013 del Carnevale della Matematica. Quali le connessioni tra apprendimento della matematica e tecnologie mediate da computer?  

FISICA

Ottenuta una temperatura assoluta negativa. Qualsiasi liceale sa che è fisicamente impossibile scendere sotto lo zero assoluto. Ma l'artificio realizzato in laboratorio da Simon Braun e colleghi ricorda più i numeri irrazionali che saltano fuori durante i calcoli delle correnti trifase, che ogni studente di istituto tecnico conosce.  Un risultato comunque importante, che potrebbe aprire le porte a tante cose: da motori termici efficientissimi alla spiegazione di "cosa siamo, e da dove veniamo".

Il Carnevale della Fisica, dopo l'ultimo appuntamento del 30 dicembre 2012 ospitato sul blog "Risparmiare, fare, guadagnare" e il premio vinto da Leonardo Petrillo, propone per il 30 Gennaio "I paradossi della Fisica" ospitato da Paolo Pascucci sul sul blog "Questione della decisione".  Avete tempo fino al 29 (meglio 28) gennaio per inviare il link del vostro pezzo e partecipare all'appuntamento che tiene avvinti gli appassionati di scienza in rete da ormai 3 anni.

Nessun commento:

Posta un commento