mercoledì 9 ottobre 2013

MEZZO SECOLO DI FISICA BARESE CELEBRATO DAI BIG DELLA RICERCA

Campus universitario, Dipartimento Interateneo di Fisica “M. Merlin”
Bari, 9 ottobre 2013, ore 10.30

Sito Web

I 50 anni del Dipartimento di Fisica di Bari segnano un traguardo importante nella storia e nella cultura del Mezzogiorno. Questa struttura di ricerca e formazione, inaugurata nel 1963 in concomitanza col congresso della Società Italiana di Fisica, si è distinta, infatti, nel panorama scientifico non solo nazionale per le molte figure di primo piano che vi hanno operato e che, a loro volta, hanno formato alcuni dei fisici più brillanti di oggi, attivi in Italia e nel mondo, in laboratori come il Cern di Ginevra, il Fermilab di Chicago, il Max Planck, l’Accelerator Center di Stanford.

Il Dipartimento porta il nome del prof. Michelangelo Merlin, giunto a Bari nel 1958 per occupare la cattedra di Fisica Sperimentale: sotto la direzione di questo vero manager della scienza, fu realizzato il bell’edificio in cui trovò sede l’istituto, prima ospitato nell’ umido seminterrato della Facoltà di Economia e Commercio.

Ha così inizio la gloriosa storia di questa realtà, che negli anni divenne il primo dipartimento italiano a dotarsi di una struttura inter-universitaria ed il primo del meridione a conquistare la vetta della classifica nazionale della ricerca. Dalla sua costola nacquero progetti e interventi ambiziosi come il Csata (Centro Studi Applicazioni in Tecnologie Avanzate), la seconda facoltà italiana di Informatica, il parco scientifico e tecnologico di Tecnopolis, una longeva scuola nazionale di dottorato e molte altre iniziative di ricerca, formazione avanzata e divulgazione scientifica che hanno costruito la piattaforma di una più consapevole e diffusa cultura dell’innovazione in Puglia.

Oggi nel Dipartimento lavorano 280 persone, in gran parte ricercatori, impegnati nei maggiori esperimenti scientifici del mondo, nelle attività dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e in quelle dell’Istituto di Fotonica e NanoTecnologie (IFN) e dello spin-off GAP (Geophysical Applications Processing).

Tra quanti giungono a Bari per celebrare il Cinquantenario, il Presidente dell’INFN Fernando Ferroni, il prof. Luciano Maiani (titolare della Cattedra Enrico Fermi all’Università La Sapienza, già Direttore generale del CERN e Presidente del CNR e dell’INFN), la Presidente della Società Italiana di Fisica e già Presidente della Società Europea Luisa Cifarelli, il Direttore del CNR-DSFTM Massimo Inguscio e il fisico Guido Tonelli, che pochi mesi fa dal CERN di Ginevra ha annunciato al mondo la grande scoperta del bosone di Higgs.


Nessun commento:

Posta un commento