venerdì 13 novembre 2015

IMPRESE PIEMONTESI PIÙ DIGITALI, MA LE PICCOLE FANNO ANCORA FATICA

Le imprese piemontesi sono più digitali, ma le piccole aziende fanno ancora fatica. Il 95% è sul web; si diffonde l’uso dei dispositivi mobili, ma solo il 4% fa ecommerce.
Si diffondono l’uso delle connessioni Dsl e wireless e la dotazione di apparecchiature mobili per i dipendenti delle imprese piemontesi e un’azienda su dieci è attrezzata per il telelavoro. 

Utilizzo del sito web da parte delle imprese manifatturiere Piemontesi(fonte: Unioncamere Piemonte)

Sono solo alcuni dei dati emersi - spiega Antonio Fago -  a metà ottobre dall’Indagine sulla dotazione e l’utilizzo dell’Ict nelle imprese industriali del Piemonte effettuata nell’ambito della 175esima Indagine congiunturale sull’industria manifatturiera realizzata nel II trimestre 2015 da Unioncamere Piemonte. Di fatto, la sostanziale totalità delle imprese manifatturiere regionali si è dotata di una connessione Internet. «Il sistema imprenditoriale ha maturato ormai la consapevolezza che il futuro sarà sempre più digitale», ha commentato il Presidente di Unioncamere Piemonte, Ferruccio Dardanello. 

Un esempio concreto per la diffusione della cultura dell’innovazione digitale tra le imprese a cura del sistema camerale piemontese è il progetto ‘Made in Italy - Eccellenze in digitale’ promosso da Google e Unioncamere, attraverso il quale le Camere di commercio piemontesi hanno portato nelle Pmi locali giovani borsisti per aiutarle nel processo di digitalizzazione e farle crescere sul mercato nazionale e mondiale. Analizzando la tipologia di connessione, si evidenzia come 9 imprese su 10 abbiano una connessione di tipo Dsl e 7 su 10 usino una connessione wireless. 

La fibra ottica, invece, risulta ancora poco utilizzata, essendo adottata solo da 1 impresa su 10. Solo il 6.6% delle realtà intervistate, infine, ha una connessione satellitare. Tra le dotazioni Ict appare sempre più diffusa la fornitura di apparecchiature mobili ai dipendenti: pratica adottata da un’azienda su tre. La percentuale sale a più di una su due nel comparto dei mezzi di trasporto e in quello delle industrie elettriche ed elettroniche, mentre scende rispettivamente al 26% e al 23% per le industrie tessili e quelle del legno e del mobile. 

A livello dimensionale, quasi tutte le grandi imprese concedono ai dipendenti una dotazione mobile, mentre questa pratica caratterizza solo il 24% delle micro imprese. Anche il telelavoro, seppur ancor poco diffuso, inizia a interessare una fetta consistente delle imprese manifatturiere piemontesi: il fenomeno interessa un’impresa su dieci, quota che raddoppia nei mezzi di trasporto. A livello dimensionale, nelle imprese di grandi dimensioni una su due utilizza il telelavoro, mentre nelle imprese micro la quota scende al 7.6%. 

Al giorno d’oggi, per un’azienda appare particolarmente importante avere una presenza sul web: creare un sito aziendale, infatti, da un lato significa comunicare affidabilità e professionalità e dall’altro ottenere maggior visibilità sia in Italia che all’estero. Tra le imprese coinvolte nell’indagine, due su tre hanno un sito Internet. 

La presenza di un sito Internet diventa maggiore per le imprese appartenenti ai comparti delle industrie meccaniche e di quelle elettriche ed elettroniche. La presenza e l’utilizzo del sito, inoltre, aumenta al crescere della dimensione d’impresa, passando dal 63% per le micro imprese al 95% per le imprese di maggiori dimensioni. Per la maggior parte delle aziende intervistate, la funzione principale del sito è quella di essere una vetrina commerciale. Tuttavia, solo il 4.1% delle imprese permette ai suoi clienti di effettuare operazioni di e-commerce attraverso il proprio sito web.

Nessun commento:

Posta un commento