giovedì 10 marzo 2016

BLOCCO DELLO SCRITTORE? IL POMODORO TI AIUTA!

Come applicare la tecnica del pomodoro per ritrovare la motivazione e migliorare la produttività. 


Hai tante idee per il tuo nuovo articolo ma non sai da dove iniziare? Ti senti sovraccaricato di impegni di scrittura e continui a procastinare per pigrizia, ansia, sindrome di perfezionismo?

La tecnica del pomodoro puo' aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di scrittura.

Ideata dall'imprenditore e ideatore di software Francesco Cirillo nel 1980, la tecnica del pomodoro e' un metodo di gestione del tempo che consiste nel completare una singola attivita' alla volta distribuendola in "pezzi" di tempo.
La logica dietro la tecnica e' che e' il cervello ha una elevata capacita' di attenzione in tempi brevi. Pertanto, se ci si pone obiettivi  fattibili, si riesce a svolgere il compito senza distrarsi. Si evita inoltre di farsi travolgere dal multitasking che, seppur dia l'impressione di essere produttivi, di fatto rallenta la performance generale ed e' causa di stress (come dimostrato in questo articolo).

Come nacque la tecnica? Francesco Cirillo era studente all' Università La Sapienza. Superato il primo anno accademico, Francesco si trovo' in uno stato di confusione generale e demotivazione. Un giorno, seduto nella cucina del suo appartamento di Roma, notò un timer a forma di pomodoro. Decise di settare il timer a 10 minuti e sfido' se stesso a studiare in quel tempo. Le volte successive, i 10 minuti diventarono 25. La tecnica funzionò a tal punto che, nel tempo, il manager la ha applicata  a tutte le attivita' quotidiane e ha scritto un libro al riguardo.

Academic writing. La tomato technique e' ora particolarmente popolare fra scienziati e ricercatori a qualunque stadio della loro carriera che hanno difficolta' a conciliare la stesura di papers, review o tesi con il lavoro sperimentale, i compiti di supervisione e la vita quotidiana. Il successo è stato talmente elevato da dare vita a veri e propri club dove le persone si incontrano per scrivere in circa 90 minuti usando la tecnica del pomodoro. L'Universita' di Manchester, ad esempio, ha attivato ShutupandWrite (chi sta scrivendo ha partecipato gia' ad una sessione dato che, trovandosi in fase di scrittura di tesi di dottorato, e in piena crisi di procastinazione, ogni aiuto esterno e' ben accetto). C'e' addirittura un workshop online!

La tecnica e la scrittura giornalistica. Se funziona, perché non fare lo stesso per la scrittura giornalistica? Che sia per un giornale, il quotidiano locale o per il tuo blog, puo' capitare che tu ti senta al momento vittima di un momento di apatia, disorganizzazione, confusione, eccetera eccetera.

Forse il pomodoro ti puo' salvare.

Come procedere.


Ecco una scaletta per applicare la tecnica in maniera efficace.


  1. Stabilisci due ore di tempo nella tua giornata/settimana in cui scrivere
  2. Prima di scrivere, fai una lista di obiettivi (cosa vuoi scrivere in quelle due ore)
  3. Setta il timer a 25 minuti e scrivi
  4. Fai pausa per 5 minuti 
  5. Scrivi per altri 25.
  6. Fai una lunga pausa di 20 minuti. 
  7. Ripeti dal punto 4 a 7.
  8. Rivedi cosa hai prodotto e stabilisci degli obiettivi per il giorno dopo e/o la settimana.
Consigli:

  1. raccogli igran parte del materiale informativo prima di cominciare (leggere  puo' rallentare la scrittura) ;
  2. crea un tomato technique club: lo spirito competitivo puo' fare miracoli;
  3. spegni il cellulare ed evita di visitare i social media nei cinque minuti di pausa;
  4. frena l'impulso di continuare a scrivere nei cinque minuti di pausa: lasciare i pensieri in sospeso da' qualcosa su cui cominciare a scrivere nella sessione successiva;
  5. nelle lunghe pause, puoi rivedere gli obiettivi iniziali per fare il punto della situazione;
  6. scrivi senza interruzione; in questo modo riesci a superare il blocco della scrittura piu' velocemente :meglio correggere in un secondo momento.
Allora sei pronto? Vediamo quanti pomodori riesci a collezionare (leggi: quanti articoli riesci a scrivere) in questa settimana!


Nessun commento:

Posta un commento